EMERGENZA COVID 19

L’ Ascolto Psicoanalitico  e l’ essere accolto

 “In solidarietà con le Istituzioni che combattono l’emergenza italiana Covid 19, SIEFPP mette 400 psicoterapeuti professionisti al servizio di coloro che lo chiedono, e offre da uno a quattro colloqui telefonici o video di consulenza, sostegno e ascolto psicoanalitico gratuito.  Il Servizio accoglie il personale sanitario, singolarmente e come gruppo, gli insegnanti, le gestanti, le neomamme e i loro partner, le famiglie con bambini piccoli o con figli adolescenti, i giovani adulti, le coppie, le persone sole, le persone traumatizzate dalla emergenza, le vittime di violenza domestica, le persone spaventate e sconfortate che sentono la necessità di comunicare e di parlare delle personali emozioni con un professionista psicoterapeuta psicoanalitico, iscritto agli Ordini degli Psicologi o dei Medici. Concluso il ciclo gratuito non è ammesso nessun seguito professionale a titolo privato.”

 Questo annuncio e’ comparso sul nostro Sito Siefpp e poi sul Sito CNOP dal mese di marzo 2020, ed e’stata la risposta  compatta della Federazione alla emergenza Covid19. Nelle Giornate di Studio SIEFPP sulla’ Ascolto Psicoanalitico avevamo  parlato e esplorato tutte le variabili dell’Ascolto senza sapere che  avremmo incontrato una nuova configurazione imprevedibile. La ricchezza del nostro bagaglio scientifico e la identificazione  profonda con le funzioni del prendersi cura   attraverso lo strumento dell’ascolto psicoanalitico hanno  consentito  a noi e alla intera comunità psicoanaitica italiana una immediata intesa  sul da farsi e sull’attrezzarsi nei confronti della emergenza.  Volevamo essere presenti rispetto ai bisogni delle persone, di tutte le persone, e lo abbiamo fatto, subito.  Accanto a noi molte altre  associazioni riconosciute dal Ministero della salute si sono disposte in questa cultura dell’accogliere ascoltando: e ci siamo trovati uniti per firmare una convenzione con il Ministero della Salute su un numero verde dedicato all’ascolto psicologico.mIl programma è partito il 27 aprile con il comunicato stampa del Ministro Speranza,che ci ha poi onorato della lettera che qui sotto riportiamo, e’ stato illustrato sul sito del Ministero con tutti i nomi delle nostre associazioni   e si e’ concluso a due mesi di distanza, il 27 giugno 2020. Al numero verde sono arrivate più di cinquantamila chiamate e  I dati analitici di tutto questo lavoro svolto da oltre duemila specialisti volontari del campo saranno elaborati nel tempo e saranno resi pubblici.   Ma il numero verde dell’emergenza Covid, 800833833, resterà alla storia. Le emozioni, alla vigilia della conclusione dell’impresa sono fresche e ancora intense per aggiungere parole. E’ stato di certo un risvolto della professione e della deontologia psicoanalitica senza precedenti. Affidiamoci  per ora  con umiltà al nostro punto di partenza indicato dalle   parole di Nosek, ne Il corpo e l’infinito:

     Questo gesto, configurato come atto di bontà, non mi nobilita né mi esalta; il suo carattere proviene da quell’infinito essere accolto che rivela le mie possibilità…

 Un caro saluto, 

 Maria Antonietta

 

LEGGI -> la Nota del Ministro Speranza